mercoledì, maggio 02, 2007

UN SACCO E UNA

Tornare dopo ponti, ponticelli e spezzettamenti assortiti della settimana mi rende più disorientato del solito. Non so bene dov'ero rimasto, non so esattamente cosa stavo facendo, e scusa proprio non mi ricordo di quella telefonata. In compenso però ho più sonno di prima, una cofana di pizzocheri nel frigo a casa e una montagna di cose delle quali mi sto dimenticando. Pazienza, poi ci guardiamo. In qualche giorno dovrei riuscire a riprendere il controllo. E a proposito di questo vi puppate il video degli Sparta - dei quali i primi due dischi mi facevano un po' senso, mentre questo invece no. Senza sputtanarsi imbroccano tre-quattro canzoni ad alto tasso di pettinerìa, soprattutto perchè, chissàperqualecazzodimotivo, riescono sempre a tener dentro le chitarre un suonino scuro, un accento vagamente minaccioso, uno disagi(n)o strisciante. Insomma non fanno i piagnoni emo che quella frangia te la taglio, li mortacci tuoi e della tua tipa che t'ha mollato e ora te stai a fracassare i coglioni a me. C'hanno anche ben più di 30 anni, e magari la voglia di frignà ti passa pure per allora. Però insomma io li avevo sempre dati per pezzi di ricambio perchè preferivo spruzzarmi con i Mars Volta ma alla fine, senza impegno, 'sto disco degli Sparta non è mica male.



Etichette:

5 Comments:

Blogger a. ha detto la seguente minchiata:

hai scritto "suonino"

2.5.07  
Blogger TS ha detto la seguente minchiata:

anche "pettinerìa"!

3.5.07  
Blogger TS ha detto la seguente minchiata:

e anche "spruzzarmi"!

3.5.07  
Blogger a. ha detto la seguente minchiata:

è un invito?

3.5.07  
Blogger TS ha detto la seguente minchiata:

spruzzarsi è pettinato.

3.5.07  

Posta un commento

<< Home



Andatevene:





Powered by Gayna