martedì, marzo 27, 2007

LOOKING DOWN THE BARREL OF A GUN















Visto che c'è gente convinta che a Milano vadano tutti in giro vestiti Prada e qualche altro stilista_che_non_conosco_perchè_me_ne_batte_il_cazzo -chiaramente mentre ascoltano i Klaxons-, ho pensato che fosse una buona idea darsi immediatamente un tono con qualcosa di veramente ignorante oltre ogni redenzione: chè tanto potete bell'e che farvi nel culo voi e la MilanoDaBere e a me non me ne può fregare di meno.
Quindi scatta il momento Deadguy.
Erano su Victory e scoreggiavano una cosa che pochi avevano il coraggio di toccare, figuriamoci ascoltare. In sostanza noise e hardcore annodati l'uno all'altro, cinismo a pioggia, l'acido dei Today Is The Day e gli spigoli degli Unsane. A loro piaceva scherzare ma non con le trombette e i nasi rossi, ma con le ossa della gente. Quattro cose han pubblicato e quattro cose meritano i soldi che non spenderete in aperitivi (almeno quelli che non sono di Milano).
Le due da avere al costo del fegato che vi state bevendo sono però l'album Fixation On A Coworker (1995) e l'EP Screaming With The Deadguy Quintet (1996). La gente che ci stava dentro arrivava da o partiva per Kiss It Goodbye e Rorschach. Erano gli anni '90. Si stava bene. Non c'erano i Klaxons.
Scenditi tre pezzi e scapoccia di brutto.

Etichette: , ,

3 Comments:

Blogger JR ha detto la seguente minchiata:

rorschach
visti dal vivo cambiarano le mie budella.

io scrivo porco

tu che aggiungi?

27.3.07  
Blogger TS ha detto la seguente minchiata:

mah
aspetta ci penso

28.3.07  
Blogger TS ha detto la seguente minchiata:

Gesù?

28.3.07  

Posta un commento

<< Home



Andatevene:





Powered by Gayna